L'editoriale

Tecnologia e finanza, pensaci oggi!

Finanza e tecnologia. Il primo, un settore storico della nostra economia e in fase di riorientamento. Il secondo, un concetto chiave per il futuro del nostro Cantone, sul quale si punta nell’ambito della strategia di sviluppo economico. La fusione di questi due elementi crea il settore del “fintech”, un ambito in piena espansione, come emerso chiaramente anche dal “Tavolo di lavoro sull’economia ticinese”, e che rappresenta un’interessante opportunità per la nostra economia.  Sulla base sia delle consolidate competenze in ambito finanziario, sia di quelle, numerose, presenti presso i centri di ricerca, possiamo affermare che il Ticino dispone già degli ingredienti di base necessari per profilarsi con successo in questo ambito. Non a caso, UBS ha recentemente annunciato l’insediamento del proprio centro di competenza svizzero nell’ambito dell’intelligenza artificiale, portando alla creazione di posti di lavoro qualificati. Una scelta strettamente legata alla presenza in Ticino di uno dei dieci migliori istituti al mondo in quest’ambito, ovvero l’Istituto Dalle Molle di studi sull’intelligenza artificiale (IDSIA) di USI e SUPSI.

Si tratta ora di valorizzare e amalgamare al meglio tutti questi ingredienti. Oltre alle competenze e a un ambiente propizio all’innovazione, è necessario un approccio di approfondimento per consolidare il fintech quale “opportunità per il settore finanziario”. Proprio quest’ultimo è il titolo dell’evento internazionale che si terrà a Lugano il prossimo 20 marzo e a cui, fino a sabato, è ancora possibile iscriversi: un appuntamento importante, per trasformare queste opportunità in ricadute concrete.

Christian Vitta, Consigliere di Stato