La posizione del PLRT su "La scuola che verrà"

La posizione del PLRT sul progetto "La scuola che verrà"

 

“L’insegnamento scolastico non può ignorare i contenuti competitivi della società. A un certo punto del suo cammino la scuola dovrà decidere chi far proseguire su una strada e chi su un’altra, distinguendo fra allievi ‘bravi’ (scolasticamente parlando) e allievi con attitudini e doti non meno importanti, non meno nobili, ma diverse, scolasticamente meno redditizie.”, Giuseppe Buffi, "Scuola ticinese", 140, editoriale.

Di seguito trovate la documentazione con la posizione del PLRT sul progetto "La scuola che verrà" e sulla sperimentazione a due modelli.

Documento PLRT in risposta alla consultazione LSCV

Il rapporto di maggioranza: 22327 7339r magg

Il rapporto di minoranza: 22328 7339r min